Cosa vedere a San Michele Salentino

La provincia di Brindisi è un territorio ricco di piccoli e caratteristici borghi in cui sono ancora molto vive le antiche tradizioni e in cui le ore della giornata passano lentamente. Qui è possibile assaporare le vecchie abitudini di un tempo, apprezzare il tramonto da scorci sempre nuovi e gustare la tipica cucina locale fatta di pochi e semplici ingredienti.

Tra i comuni del Brindisino, questa volta, partiamo insieme alla scoperta di un paese dalle origini medievali immerso nelle campagne impreziosite da vaste distese di uliveti secolari. Siete mai stati a San Michele Salentino? Questo piccolo comune di poco più di 6mila abitanti che si sviluppa a poco più di 25 chilometri a ovest dal capoluogo di provincia è la località posizionata più a nord del Salento con il toponimo salentino.

Nelle prossime righe scopriremo insieme cosa vedere a San Michele Salentino e dintorni, passeremo in rassegna le principali attrazioni da non perdere e le cose da fare durante una visita in questo paese famoso per la tradizionale sagra del “Fico Mandorlato” e per il singolare primato che lo vede il paese d’Europa con il più alto rapporto rivenditori d’auto usate-abitanti. Buon viaggio!

Indice dei contenuti

Chiesa di San Michele Arcangelo

La chiesa più antica del paese è l’originaria Chiesa Matrice costruita tra il 1876 e il 1882. Poco distante, nella centrale Piazza Dante, si trova la nuova Chiesa Madre di San Michele Salentino.

Costruita agli inizi del ‘900, la Chiesa di San Michele Arcangelo si presenta nel cuore del centro storico del comune con un aspetto neoclassico. L’edificio mostra una facciata elegante e modesta. I lavori per la costruzione della chiesa vennero avviati nel tardo ‘800 sul suolo donato dal principe Ernesto Dentice di Frasso grazie al contributo economico dei fedeli del paese.

Impreziosita da una torre campanaria, la nuova Chiesa Madre di San Michele Salentino realizzata in tufo e pietra viva presenta un interno molto semplice e sobrio che rispecchia perfettamente lo stile esterno della struttura. Qui potrete ammirare un altare ligneo, alcune tele e statue di pregio.

Pinacoteca “Salvatore Cavallo”

Nel centro storico del paese è possibile visitare uno splendido luogo d’arte e di cultura. Si tratta della Pinacoteca “Salvatore Cavallo”, a pochi passi dalla Villa Comunale e dal Palazzo Comunale, nata negli anni ’80. L’edificio si sviluppa su due piani ed ospita una ricca sezione monografica dedicata all’artista sammichelano Stefano Cavallo.

Oltre alle opere di Cavallo, nelle sale espositive sono presenti anche circa 300 opere tra dipinti, sculture e opere di grafica firmate da artisti del ‘900 di fama internazionale e donate alla Pinacoteca. Questo museo nel cuore di San Michele Salentino è una tappa obbligatoria per tutti gli amanti dell’arte.

Nei dintorni di San Michele Salentino

Nelle vicinanze del centro di San Michele Salentino potrete raggiungere diverse località confinanti. Il paese dista circa 18 chilometri dalla costa e dal mare, sarà quindi davvero molto semplice esplorare le splendide spiagge salentine poco lontane dal vostro punto di partenza. Se desiderate conoscere meglio questa zona, non dovete assolutamente perdere alcuni dei luoghi più belli e interessanti nei dintorni di San Michele Salentino.

Tra i comuni più vicini c’è Ceglie Messapica, uno dei borghi più frequentati della Valle d’Itria che vi conquisterà con la sua semplicità. Questo piccolo e caratteristico centro vanta la presenza di diversi monumenti d’interesse come il Castello Ducale, la Chiesa Matrice Santa Maria Assunta, il Santuario di San Rocco e il MAAC – Museo Archeologico e dell’Arte Contemporanea, il museo della cittadina salentina da visitare se amate l’arte e desiderate fare un salto indietro nel tempo.

Un altro comune da visitare nelle vicinanze di San Michele Salentino è Francavilla Fontana, una cittadina che nel 2009 ha ottenuto il riconoscimento di “Città d’arte” e che offre ai suoi visitatori l’occasione di ammirare affascinanti monumenti in stile barocco, antiche chiese ed eleganti palazzi storici.

Non molto distante da San Michele Salentino si trova anche Latiano, qui tra le attrazioni da non perdere ci sono senza dubbio il Castello, conosciuto anche come Palazzo Imperiali, la Chiesa Madre e altre chiese storiche come il Santuario di Santa Maria di Cotrino, la Chiesa dell’Immacolata, la Chiesa di Sant’Antonio, la Chiesa del Santissimo Crocifisso, la Chiesa del Santissimo Rosario e le antiche chiesette rurali risalenti all’XI secolo in contrada Coltura.

Ad impreziosire questa zona del Brindisino ci pensa la splendida ed elegante città bianca di Ostuni, ci siete mai stati? Tra stradine strette, case intonacate di bianco, ristorantini e locali alla moda, Ostuni è una delle località del Sud Italia più frequentate da turisti italiani e stranieri. Ammirare il tramonto tra uno dei tanti scorci panoramici di questa candida cittadina pugliese sarà un momento che non dimenticherete facilmente!

Se volete spostarvi verso la costa non perdete una visita al centro di San Vito dei Normanni per fare lunghe e rigeneranti passeggiate tra vicoletti e stradine su cui si affacciano edifici storici e chiese barocche. Tra le principali attrazioni da vedere ci sono sicuramente il Castello Dentice di Frasso e la Chiesa Matrice di San Vito dei Normanni.

Come raggiungere San Michele Salentino

Ora che avete qualche informazione in più sui monumenti e i luoghi da non perdere a San Michele Salentino e dintorni, non ci resta che vedere insieme come arrivare in paese. Partendo dal capoluogo di provincia, la città di Brindisi, avete alcune opzioni da considerare per raggiungere San Michele Salentino.

Potete scegliere di arrivare nel piccolo paese pugliese partendo da Brindisi in auto. In questo caso vi basterà percorrere circa 36 chilometri e in poco più di mezzora di viaggio sarete a destinazione pronti per avventurarvi alla scoperta di questo caratteristico borgo. Il percorso consigliato per raggiungere San Michele Salentino è quello di passare per SS7 e SP47.

In alternativa, se non avete a disposizione un’autovettura, potete spostarvi in autobus dal capoluogo di provincia. Cliccate qui per visionare le tratte e gli orari di partenza per programmare al meglio il vostro viaggio. Preparate i bagagli, si parte!

Dove dormire a San Michele Salentino

Booking.com

Informazioni sull'autore

Jack Pastrano è nato a Napoli. Travel Blogger professionista, appassionato di viaggi, cultura e territorio. Da anni si impegna per valorizzare le bellezze del territorio italiano descrivendole con cura, passione e dedizione e mettendo il suo sapere al servizio degli utenti. Ama correre, fare trekking, ascoltare musica metal e - specie nei momenti di stress - sorseggiare del buon vino.

Da non perdere nei dintorni di San Michele Salentino