Cosa vedere a Miggiano

La Provincia di Lecce è ricca di piccoli borghi che hanno davvero molto da offrire al visitatore. Non solo spiagge dal mare cristallino, ma vere e proprie perle di storia e cultura da visitare affondo sia nelle calde giornate d’estate che in quelle primaverili. Tra questi troviamo Miggiano, cittadina di 3300 abitanti. Oggi partiremo per un viaggio virtuale andando a scoprire cosa vedere a Miggiano senza tralasciare i suoi dintorni.

Miggiano è posto esattamente a 42 Km dalla città di Lecce e, con molta probabilità, è nato intorno al secolo IX o X. Nel corso del tempo è stato distrutto più volte, comportando così una notevole riduzione della sua popolazione. Difatti fu letteralmente distrutto dai Turchi nel 1480 e dopo soli 4 anni anche dai Veneziani. Non vi resta che partire con noi alla scoperta di questo borgo. Buon viaggio.

Indice dei contenuti

Palazzo Vernaleone

Tra le tante bellezze che il comune di Miggiano ha da offrire, una di quelle che non può proprio sfuggire al turista che intende visitare questo borgo è il Palazzo Vernaleone. Un palazzo storico, appartenente a una nota famiglia di nobili Salentini, una delle più rinomate e importanti dell’epoca.

Si tratta di uno dei palazzi più belli di Miggiano, facilmente raggiungibile poiché sorge in Vico Barone, proprio nel centro della cittadina salentina. Questo edificio architettonico di elevato valore artistico, è stato modificato più volte nel corso degli anni.

Al giorno d’oggi, sono sono sopravvissuti soltanto il balcone frontale con lo stemma nobiliare, il portone che mostra l’effige della casata sei Baroni di Miggiano e il bellissimo e antico giardino del Palazzo. Nonostante ciò attrae ugualmente molti visitatori, i quali amano passeggiare tra i resti, dove ancora si sente l’atmosfera antica trasmessa da questi luoghi.

Palazzo Episcopo

Poi c’è il Palazzo Episcopo, posizionato ai limiti di un grande bosco che anticamente confinava con l’abitato. La sua prima edificazione risale più o meno al sopraggiungere degli Agostiniani nel paese di Miggiano, facendolo diventare la propria abitazione. Qui i religiosi si dedicavano alla lavorazione del lino e della canapa, in ampie vasche costituite dalla pietra, per produrre la carta.

Attualmente la facciata è costituita su due livelli, con un raffinato portale e un ampio balcone, posto su particolari mensole che hanno delle lavorazioni fitoformi, ossia associate all’ambientazione vegetale.

Chiesa Matrice di San Vincenzo Martire

A Miggiano un altro posto da visitare è la Chiesa Matrice dedicata a San Vincenzo Martire, il protettore sia del paese che della diocesi di Ugento. La Chiesa è costituita da tre navate con un grande coro e con delle cappelle laterali molto profonde. La facciata è arricchita da decori di statue barocche.

Una considerevole rilevanza artistica è costituita dalla tela di San Vincenzo Martire, posizionata sull’altare maggiore. Mentre all’interno gli altari di tipo tardo-barocco che sorgono dai parametri murari, derivano da sculture.

Cripta Brasiliana

Inoltre all’interno del Cimitero di Miggiano, si trova la Cappella di Santa Marina. Si tratta di una chiesetta che include una cripta brasiliana, con rimanenze di affreschi in stile bizantino. Ciascuno ambiente mostra la peculiarità dei gradini utilizzati come sedili. Nella zona dell’abside ci sono ancora i resti di una colonna e di un altare.

Cosa mangiare a Miggiano

In paese c’è anche la possibilità di poter soddisfare il proprio palato, grazie alle prelibatezze locali apprezzate tantissimo dai turisti. Tra queste troviamo gli insaccati come la famosa salsiccia di Lecce, gli oli e i vini.

Come in tutto il Salento, anche a Miggiano è possibile degustare alcuni dei piatti tipici di questa zona a cominciare dalla colazione con bontà come il caffè in ghiaccio (anche detto leccese) o il pasticciotto ripieno di cioccolato, crema o amarena. Uno dei piatti tipici da degustare a pranzo oppure cena sono i ciciri e tria: ceci con una pasta tipica salentina. Proseguiamo poi il nostro viaggio culinario con mustazzoli, panzerotti e pittule. Insomma abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

Nei dintorni di Miggiano

Nei dintorni di Miggiano ci sono molte cose da vedere e visitare, sia che si tratti di escursioni sia di gradevoli uscite in bicicletta o a piedi. Tra le attrazioni predilette dai vacanzieri troviamo il sentiero Corte Guti. Un meraviglioso tratto che dalla Chiesa dei Diavoli vi consente di arrivare fino alla Serra del Mito.

Percorrendo questo sentiero che una volta era battuto unicamente dai solchi dei carretti, dai contadini e dai muli, potrete ritornare indietro nel tempo. Circondati soltanto dai muretti e bellissime campagne. Qui avrete la possibilità di godervi un piacevole silenzio, interrotto soltanto dal suono melodioso delle cicale e degli uccelli, nonché dal rumore del vento.

Poi c’è la Torre Nasparo, che faceva parte di un sistema difensivo utilizzato nel corso della dominazione spagnola. Posizionata su uno sperone roccioso a 129 metri sul livello del mare. Questa tipologia di torri consentiva una rapida ed efficace propagazione dei segnali laterali lungo la linea di costa, ma anche parallelamente ai borghi interni fortificati.

La Cappella Madonna dell’Attarico è di origine bizantina ed è posizionata a picco sul mare. Ciò consente ai visitatori di poter contemplare una vista spettacolare estremamente suggestiva e spettacolare, di tutto il tratto della costa adriatica.

Il Sentiero del nemico è un tratto panoramico percorribile facilmente con la bicicletta. Permette di collegare due zone panoramiche e, generalmente, dona una sorprendente visuale che si può ammirare direttamente dalla sommità della serra di Tricase.

La Chiesa dei Diavoli è stata denominata in questo modo per via della storia collegata ad essa: si narra che il diavolo disse ai cittadini di Tricase di realizzare la Chiesa in una sola notte. In caso contrario li avrebbe mandati negli inferi. Oggigiorno rappresenta una sede di eventi a livello culturale e sociale. In più recentemente per via della ristrutturazione che è stata effettuata, si può ammirare nel suo stato attuale.

La panoramica di Castro Marina è uno dei posti nelle vicinanze di Miggiano più visitati, per via dello splendido porto posizionato proprio in quella zona. Lì fino a poco tempo fa, si fermavano le lampare e le barche a remi, mentre attendevano il momento in cui avrebbero dovuto affrontare il mare.

La Grotta della Torre del Sasso è posizionata proprio sotto alla omonima torre. Si tratta di una grotta straordinariamente bella, che si può visitare a piedi scendendo sul lato sinistro della Torre.

La Piscina naturale si trova nel piccolo centro di Marina Serra, un po’ più avanti di Tricase porto. Qua alla base di una torre di forma quadrangolare, si può trovare questa fantastica piscina naturale molto frequentata e conosciuta dai turisti. Questi ultimi, difatti, sono attratti dalle sue acque cristalline, che si affacciano sul mare posizionato tra le scogliere che lo vanno a delimitare.

Piscina Naturale di Marina Serra – Marzoide88, CC BY-SA 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/, via Wikimedia Commons

La Chiesa di Santa Eufemia è una delle più antiche del territorio, posizionata lungo il percorso dei pellegrini i quali, percorrendo il Salento, giungevano fino a Leuca. La Chiesa si trova praticamente incastonata in un panorama di notevole bellezza.

Tra l’altro suscita un grande interesse anche per quanto concerne l’aspetto sia storico che archeologico. In un’area alquanto piccola, si possono scoprire le tracce dei tempi più antichi. La Chiesa di Santa Eufemia fu edificata nel periodo della dominazione bizantina del Salento. Di recente è stata ristrutturata, così da poter effettuare pure il lavoro inerente la ricostruzione originaria del tetto a forma di capanna.

Altri borghi degni di nota e distanti pochissimi km di distanza da Miggiano sono: Andrano, Acquarica del Capo, Alessano e Tricase. Questi appena descritti sono solo parte dei tanti luoghi ricchi di attrattive e colmi di fascino, che si possono andare a scoprire nei dintorni di Miggiano.

Come raggiungere Miggiano

Prima di salutarvi, vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per raggiungere Miggiano sia tramite autovetture che mediante l’utilizzo dei mezzi pubblici partendo proprio dal capoluogo di Provincia, ovvero Lecce.

In autovettura è possibile percorrere la SS16 adriatica in direzione sud per poi confluire nella SS275 ed arrivare cosi a Miggiano. Il tempo di percorrenza di questo itinerario è di circa 40 minuti per una lunghezza complessiva di 48,5km. In alternativa è possibile anche raggiungere Miggiano tramite la SP367 e la SS275.

Per raggiungere Miggiano con i mezzi pubblici, invece, è consigliato il treno della linea Lecce – Gagliano Leuca che permette di raggiungere il borgo salentino in circa 1h18m di percorrenza. Qui trovate tutte le informazioni a riguardo con gli orari del treno regionale.

Dove dormire a Miggiano

Booking.com

Informazioni sull'autore

Jack Pastrano è nato a Napoli. Travel Blogger professionista, appassionato di viaggi, cultura e territorio. Da anni si impegna per valorizzare le bellezze del territorio italiano descrivendole con cura, passione e dedizione e mettendo il suo sapere al servizio degli utenti. Ama correre, fare trekking, ascoltare musica metal e - specie nei momenti di stress - sorseggiare del buon vino.

Da non perdere nei dintorni di Miggiano