Cosa vedere a Maglie

Il Salento è ricco di cittadine che racchiudono al loro interno diverse bellezze paesaggistiche ed architettoniche. Non tutti sanno, infatti, che in provincia di Lecce non esistono solo spiagge meravigliose, ma anche borghi folkloristici che meritano di essere vistati. Ecco perché oggi cercheremo di mostrarvi cosa vedere a Maglie e nei suoi immediati dintorni, cittadina natale di Aldo Moro e punto di riferimento del sud del Salento.

Maglie è un comune pugliese della provincia di Lecce con all’incirca 13.600 abitanti. In particolare, il borgo è situato in una zona dell’entroterra del Salento molto importante dal punto di vista industriale ed economico, uno snodo essenziale per l’intera provincia.

Il territorio è prevalentemente pianeggiante e offre ai propri turisti molteplici luoghi d’interesse, paesaggi naturali splendidi e ottimi prodotti gastronomici tipici del territorio. Vediamo ora alcuni dei luoghi, degli edifici e dei monumenti che vale la pena visitare durante il soggiorno a Maglie

Indice dei contenuti

Duomo di Maglie e campanile 

Duomo di Maglie
Duomo di Maglie – Colar at Italian Wikipedia, CC BY-SA 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/, via Wikimedia Commons

Dal punto di vista religioso, il primo luogo di culto di maggior spicco è il Duomo di Maglie, la principale chiesa della città. L’origine del Duomo viene fatta risalire alla fine del XVIII secolo, e dal punto di vista architettonico si presenta come un edificio di grandi proporzioni con sezioni decorative molto elaborate. Al suo interno, il Duomo è a croce latina con tre navate sormontate da una copertura tipicamente leccese con solidi pilastri. 

A livello artistico risaltano in particolar modo due altari in pietra leccese dipinti a mano, così come il coro ligneo, l’organo a canne, la statua della Madonna della Misericordia, le statue degli apostoli San Pietro e Paolo, la cappella del Sacramento con marmi policromi, diverse pitture e tele artistiche e simulacri.

Il Duomo presenta anche un possente campanile di circa 48 metri, nonché il secondo più alto di tutta la provincia. La sua origine risale al Seicento, ed è costituito da ben 5 piani in pietra leccese composti da diversi ordini architettonici. 

Colonna della Madonna delle Grazie

Colonna della Madonna delle Grazie
Colonna della Madonna delle Grazie
Lupiae, CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0, via Wikimedia Commons

A Maglie è presente anche la Colonna della Madonna delle Grazie: una colonna a fusto liscio in pietra leccese alta 15 metri. Le sue origini risalgono al Seicento, ai lati del suo basamento quadrangolare sono collocate le statue dei quattro protettori di Maglie, mentre sulla cima, poggiata su un capitello di ordine corinzio, è posizionata la statua della Vergine.

A causa di un fulmine per molto tempo la statua originaria è rimasta danneggiata, ma nel 1926 è stata poi costruita una nuova statua ad oggi visibile. 

Statua e Piazza Aldo Moro

Piazza Aldo Moro a Maglie
Piazza Aldo Moro a Maglie – Freddyballo, CC BY-SA 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/, via Wikimedia Commons

Un altro monumento molto importante e significato presente sul territorio di Maglie è la statua di Aldo Moro, cittadino magliese, inaugurata nel 1988. La statua si trova proprio nella piazzetta limitrofa a quella che è stata la casa natale di Aldo Moro, e rappresenta Moro che tiene tra le mani una copia del quotidiano “l’Unità”, a ricordare i suoi stessi forzi nel credere nella forza del dialogo tra partiti tradizionalmente contrapposti. 

Una delle piazze principali di Maglie, inoltre, è stata dedicata proprio al noto politico magliese Aldo Moro, assassinato il 9 maggio del 1978 dalle Brigate Rosse. Maglie è infatti molto legata alla figura di Moro che rappresenta motivo di forte orgoglio per i cittadini magliesi.

Al centro della piazza, infine, troviamo una statua dedicata a Francesca Capece, donna che visse nel 700′, ultima feudataria di Maglie, che alla morte decise di lasciare tutti i suoi beni alla città. La figura di Francesca Capece a Maglie è tra le più amate, non a caso le è stato intitolato anche il vicino liceo classico, scientifico, linguistico.

Monumenti votivi di Maglie

Chiesa Madonna delle Grazie
Chiesa Madonna delle Grazie – Lupiae, CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0, via Wikimedia Commons

Maglie presenta però anche molteplici monumenti votivi e in particolare la statua della Madonna di Medjugorje, il monumento a San Pio, l’affresco votivo della Madonnina e, infine, il monumento in bronzo a San Francesco d’Assisi eretto negli anni Ottanta del Novecento per devozione. 

Diversi sono i luoghi di culto e le chiese sparse sul territorio di Maglie, tra le più importanti ricordiamo la Chiesa della Collegiata, la Chiesa Madonna delle Grazie, la Chiesa della Madonna Addolorata e la Chiesa Santa Maria della Scala.

Palazzo Baronale

Palazzo Baronale Capece
Palazzo Baronale Capece – Lupiae, CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0, via Wikimedia Commons

Tra le architetture civili di Maglie troviamo numerosi palazzi storici, e primo su tutti il Palazzo Baronale. La struttura originaria, nata come castello, risale al Medioevo ma in epoca successiva, e in particolare verso la metà del XV secolo, è stata fortemente rimaneggiata fino ad arrivare al XIII secolo con la vera e propria demolizione del castello ormai in rovina e la sua trasformazione in un palazzo signorile dalla grande eleganza. 

Dell’antico castello rimangono oggi solo alcuni elementi: le fondamenta, i magazzini di deposito, le scuderie, la casamatta per il deposito munizioni, e il portale in stile tardo-cinquecentesco con incastonato il leone lapideo della famiglia dei Capece, ultimi feudatari. L’attuale struttura ospita il Liceo Classico Capece e di recente alcuni lavori di ristrutturazione hanno riportato alla luce dei graffiti seicenteschi all’interno dell’ambiente anticamente destinato a carcere criminale.

Palazzo Arabesco

Un altro palazzo molto affascinante è il Palazzo Arabesco, spesso chiamato anche Palazzo Aprile. Costruito per volere della famiglia Tamborino, venne poi ristrutturato con l’aiuto di ben 200 maestranze e l’aggiunta di elementi unici nel loro genere: archi e scaloni in marmo, principesche sale da bagno, splendidi saloni in stile mediorientale, e il salotto arabo dal quale prende il proprio nome.

Per ciò che riguarda invece l’esterno dell’edificio, risalta in particolar modo la grande scalinata in pietra leccese con un ampio giardino. 

Dolmen e Menhir nei siti archeologici di Maglie

Dal punto di vista storico, Maglie è un luogo veramente affascinante grazie ai diversi siti archeologici che hanno portato alla luce molti antichi monumenti megalitici, divisi tra Dolmen e Menhir. 

Tra i Dolmen maggiori troviamo il Dolmen Chianca, dotato di un passaggio di muretti a secco che formano un semicerchio; il Dolmen Specchia, di circa 1 metro; e i Dolmen Grotta e Dolmen Pino, distanti circa 50 metri l’uno dall’altro. Ma ancora troviamo il Dolmen Canali, con un dromos (passaggio) ad angolo retto di pietre sovrapposte con apertura a ovest; il Dolmen Muntarrune, purtroppo in parte crollato, e il Dolmen Masseria Nuova, una piccola struttura rimaneggiata in seguito. 

Passando invece ai Menhir presenti sul territorio troviamo il Menhir Spruno, ancora oggi in buono stato di conservazione e di un’altezza di poco più di 3 metri. Il Menhir delle Franite, spesso chiamato anche Crocemuzza, che si eleva per 4,30 metri in altezza, su un basamento in pietra e la protezione di una cancellata di ferro. E infine il Menhir Calamauri, in pietra leccese con croci graffite sulle sue facce e un’altezza di 3,70 metri. 

Cosa vedere nei dintorni di Maglie 

Oltre al territorio centrale di Maglie, anche i luoghi limitrofi offrono tante cose da vedere e attività da provare. In particolare consigliamo una visita al Parco Naturale di Torcito, con sentieri perfetti per escursioni nella natura e una splendida pineta. Ma davvero affascinanti sono anche le antiche cave di Petrore, sempre rimanendo in tema con le bellezze naturalistiche del territorio. 

Per ciò che riguarda i centri storici vi sono invece numerosi borghi vicini a Maglie con monumenti, edifici e luoghi di notevole interesse artistico, storico, culturale e religioso. Tra questi Bagnolo del Salento, Corigliano d’Otranto, Cursi, Cutrofiano, Melpignano, Muro Leccese, Palmariggi, e Scorrano. Da non perdere poi i ristoranti tipici del Salento, sparsi per tutto il territorio, con prodotti locali pugliesi che meritano di essere degustati. 

Come raggiungere Maglie

Vediamo infine come arrivare a Maglie partendo dal suo capoluogo di provincia, ovvero Lecce. Maglie rappresenta uno degli snodi più importanti del Salento ed è quindi molto semplice da raggiungere e offre poi una serie di collegamenti anche verso i comuni costieri che ne fanno sicuramente un ottimo punto strategico per soggiornare e vedere le bellezze del Salento.

Maglie dista circa 30km da Lecce ed è possibile raggiungerla in auto percorrendo la SS16 in direzione sud. Questa opzione ci permetterà di raggiungere Maglie in circa 25 minuti, in alternativa è possibile percorrere la SP367 che conduce a Maglie in 30 minuti.

Raggiungere Maglie con i mezzi pubblici, invece, è possibile in diversi modi. La soluzione più rapida è quella che consiste nell’avvalersi del trasporto ferroviario regionale. Il treno per Maglie impiega circa 40 minuti totali e le corse sono abbastanza frequenti, in particolar modo durante il periodo estivo.

Dove dormire a Maglie

Booking.com

Informazioni sull'autore

Jack Pastrano è nato a Napoli. Travel Blogger professionista, appassionato di viaggi, cultura e territorio. Da anni si impegna per valorizzare le bellezze del territorio italiano descrivendole con cura, passione e dedizione e mettendo il suo sapere al servizio degli utenti. Ama correre, fare trekking, ascoltare musica metal e - specie nei momenti di stress - sorseggiare del buon vino.

Da non perdere nei dintorni di Maglie