Cosa vedere a Casoria

Casoria è un comune di 73 918 abitanti della città di Napoli in Campania. Nell’articolo di oggi vedremo nel dettaglio cosa vedere a Casoria, città campana dal fascino senza tempo, e nelle sue immediate vicinanze.

Il toponimo è rinvenuto per la prima volta in documenti del 993-998, ma viene ricondotto anche alla “casa aurea raviosa” presente in alcuni documenti degli anni 952-988. Il nome deriva da “casa aurea”, ossia “casa d’oro” legata molto probabilmente alla fertilità della zona.

Una casa d’oro compare negli  stemmi del comune più antichi, della prima metà del XVIII secolo,  nella chiesa di San Mauro, anzi è proprio al santo protettore che viene legata un’ulteriore ipotesi sull’origine del toponimo, possibilmente derivato dalla “Casa Mauri” che compare in un paio di documenti del XI secolo stilati tra Napoli e Aversa.

Varie testimonianze indicano che la zona fu abitata sin dal III secolo a.C.. Successivamente vi si stanziarono anche i monaci benedettini. Inoltre, il comune fu anche capoluogo di un circondario del Regno delle Due Sicilie.
Fino al 1950 è stato un centro prevalentemente agricolo fondato sulla produzione della pasta e del vino, oltre che della canapa e della mela annurca.

Indice dei contenuti

CAM – Contemporary Art Museum

Una delle tappe da effettuare sicuramente nella visita a Casoria è il Contemporary Art Museum. Il CAM è un museo, come suggerisce il nome, d’arte contemporanea ed è ubicato presso Via Duca D’Aosta 63 a Casoria.

Il progetto legato a questo museo nasce nel 2003 sotto iniziativa del comune di Casoria e della Regione Campania. L’inaugurazione del museo è avvenuta nel maggio del 2005, diretta da Antonio Manfredi. Nel 2011 è stato ospitante della biennale di Venezia.

Il museo ha un’estensione di 3500 m2 su un solo livello. Contiene sia zone dedicate alla pittura, alla scultura, alla fotografia, all’arte multimediale sia altre dedicate ad attività didattiche, al teatro sperimentale, alla biblioteca con testi sull’arte contemporanea, alla libreria.1000 opere provenienti da 80 paesi sono in esposizione permanente, ci sono collezioni di opere africane, cinesi, napoletane.

Esternamente alla struttura principale è situato Parco delle sculture, è allestita una mostra permanente di sculture e installazioni, realizzate nel 2004.

Basilica di San Mauro Abate

Non può mancare la visita di stampo religiosa al santuario istituito in onore di San Mauro protettore del comune. La chiesa è stata elevata a Basilica Pontificia nel 1999. La costruzione dell’edificio fu iniziata nel 1606.

La torre campanaria è realizzata in pietra di tufo e si estende su tre livelli alla destra del prospetto della chiesa. L’edificio presenta una pianta a croce latina. Nel 1621 fu terminata la crociera superiore, la quale presenta una cupola coperta da lastre di piombo e le due prime cappelle della navata.

La basilica è realizzata in stile romano e presenta opere d’arte come il soffitto a cassettoni, pulpito e battistero marmorei. Di ulteriore rilievo sono l’organo ligneo e l’altare maggiore realizzato in marmi policromi in stile barocco.

Nel Giubileo del 2000 fu istituita l’ultima opera artistica, la Porta del Giubileo che consiste in una Monumentale “Porta di Bronzo”, la parte superiore presenta la raffigurazione di Gesù redentore che tiene in una mano lo stendardo della vittoria e con l’altra indica la Via della Redenzione cioè S. Pietro e guida una serie di persone caratterizzate specificamente come il papa, il vescovo e il parroco.

Mentre sulle due ante si legge della crocifissione di Gesù sul Golgota, della discesa dello Spirito Santo su Maria e gli Apostoli; di un cavaliere francese che porta le reliquie di S. Mauro a Casoria; di San Mauro che benedice la Città; di San Benedetto che accoglie S. Mauro e San Placido nel monastero di Subiaco e di San Mauro che cammina sull’acqua per salvare San Placido che stava per annegare.

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

La chiesa di Santa Maria delle Grazie è ubicata presso Via P. Ludovico. L’edificio costituisce una delle testimonianze del gusto architettonico tardo barocco a Casoria. Le prime notizie legate a questa chiesa risalgono al 1459. Fu edificato molto probabilmente a partire dal XVIII secolo. I lavori sono stati conclusi nel 1737.

La struttura presenta una navata. Gli elementi di rilievo qui presenti sono il coro ligneo e gli stucchi roccocò dell’annessa congrega del Rosario, che recentemente è stata sottoposta ad un restauro, oltre che l’organo e l’altare maggiore. 

A causa dell’abbassamento del livello stradale del 1857 è stata costruita una scala laterale.

Chiesa del Santissimo Sacramento

Infine. altra tappa religiosa è la chiesa del Santissimo Sacramento, un edificio ecclesiastico con convento annesso. Esso è situato nel centro urbanistico del comune di Casoria in Via San Rocco nei pressi della Piazza Principale e della sede del Municipio.

La sua edificazione fu commissionata intorno al XIX secolo. I lavori furono iniziati nel 1893 e conclusi nel 1899. La struttura appare come un esempio di rivisitazione di stile gotico.

La struttura presenta una pianta croce latina con tre navate: una centrale e due laterali, sulle quali si aprono otto cappelle con i rispettivi altari in marmi policromi. La navata centrale presenta una copertura fatta di volte a crociera, decorate e che poggiano su di un colonnato dalle misure imponenti.

L’altare centrale è caratterizzato da uno stile barocco.

La facciata è di pietra di tufo è tripartita longitudinalmente e trasversalmente con due ampi contrafforti laterali decorati con archetti pensili. Un rosone in vetri policromi costituisce un punto di rottura con il rigore stilistico della facciata. 

Il monastero annesso, invece, presenta un ampio chiostro, due cori e dei coretti.

Conclusioni

Per giungere a Casoria una volta giunti a Napoli è possibile andarci in auto, taxi, bus 3, A3N E C1N, treno R, oppure tramite treno metropolitano, Linea A72 presso la stazione di Piscinola.

Casoria è una meta che presenta luoghi artistici e di culto da visitare e con la guida di oggi avrai avuto sicuramente una visione più chiara su cosa vedere a Casoria e dintorni.

Inoltre, è possibile visitare anche luoghi per il divertimento come il Paintball Extreme, oppure il DiscoBowling UciCinemas, una struttura dalle ampie dimensioni che permetterà di goderti una serata all’insegna del buon cibo, del bowling o di un buon film.

Oltretutto, a Casoria ci sono vari centri che possono essere dedicati allo shopping, come il centro Commerciale Casoria Park, che presenta diversi negozi per varie esigenze, in una struttura del tutto nuova.

Informazioni sull'autore

Jack Pastrano è nato a Napoli. Travel Blogger professionista, appassionato di viaggi, cultura e territorio. Da anni si impegna per valorizzare le bellezze del territorio italiano descrivendole con cura, passione e dedizione e mettendo il suo sapere al servizio degli utenti. Ama correre, fare trekking, ascoltare musica metal e - specie nei momenti di stress - sorseggiare del buon vino.

Ti potrebbe piacere: