cosa vedere a faeto

Incastonato sui Monti Dauni, non molto lontano da Castelluccio Valmaggiore e Celle di San Vito, sorge il borgo di Faeto, comune in Provincia di Foggia che conta circa 600 abitanti.

Stiamo parlando di un posto unico, dove immergersi in tradizioni e natura. Oggi vedremo assieme cosa vedere a Faeto e nei dintorni, in modo tale da esplorare questa zona della daunia godendo a pieno dei sapori della tradizione culinaria, dei paesaggi e della tranquillità di questi luoghi.

Sei pronto? non ti resta che prenderti qualche minuto del tuo tempo, leggere nel dettaglio questa guida e segnare sulla tua mappa i luoghi da visitare per rendere davvero unica questa piccola gita fuori porta: corta o lunga che sia.

Indice dei contenuti

Chiesa Madre del Santissimo Salvatore

Il nostro viaggio virtuale nel piccolo comune di Faeto parte dai suoi luoghi di culto, aggregatori naturali di questa comunità montana. La chiesa Madre è un vero e proprio gioiello di architettura dove, tuttora, si riuniscono i fedeli per pregare, cosi come avveniva secoli addietro. Quì, infatti, si ha la sensazione che tutto sia immutato, quasi fuori dal tempo. La vita sembra ancora scorrere lentamente, segnata dai ritmi delle stagioni e della natura.

La chiesa Madre del Santissimo Salvatore ha origini molto antiche, pensate che venne edificata intorno al 1570 ed è situata nel pieno centro storico del comune di Faeto. Svetta sulle altre case e non è difficile scorgerla da qualsiasi punto del paese. Sovrasta le case come in un abbraccio, quasi a proteggerle, lasciando nel visitatore un’immagine decisamente romantica.

La chiesa custodisce al suo interno le reliquie di San Prospero. Inoltre è seppellito Mons. Castielli che fu il primo vescovo della Diocesi Lucera e Troia. All’interno, inoltre, sono presenti parametri sacri di alto valore religioso ed artistico.

Centro storico di Faeto

Il centro storico di Faeto è una tappa obbligata. Molte sono le case ormai sfitte ed è possibile ritrovare una gran sensazione di pace e serenità passeggiando per le strette viuzze che la caratterizzano.

Il paese è tra i più alti della Puglia e le strade, quindi, sono abbastanza impegnative da percorrere, ma ne vale davvero la pena. L’aria che si respira in questa zona dei Monti Dauni è fresca e pulita e troverete persone capaci di ospitarvi offrendovi sempre il poco che hanno ed un sorriso.

Salendo, troverete spesso ampi spazi e balconate che vi permetteranno di osservare i campi della capitanata. Una visione davvero ristoratrice per l’animo umano. Faeto è anche il paese dell’acqua, sono diverse le fontanelle che troverete durante il vostro cammino, dalle quali potervi abbeverare con acqua freschissima e potabile.

Bosco Difesa

Uscendo dal centro di Faeto è possibile raggiungere facilmente – anche a piedi – il Bosco Difesa. In quest’area boschiva troverete una vasta quantità di Faggi (da quì il nome Faeto).

Il bosco si trova all’interno dello storico distretto della Valmaggiore e si estende per diversi ettari. Troverei rose canine, bucaneve, orchidee, olmi e tigli che vi faranno ombra nelle calde giornate estive. Un luogo di pace dove poter dare vita a lunghe scampagnate, passeggiate e percorsi di trekking.

Il bosco, inoltre, presenta al suo interno un vero e proprio Orto Botanico dove potrete portare i più piccoli per rispondere alla loro naturale sete di conoscenza e curiosità. Divertimento assicurato anche per i grandi grazie alle vaste aree picnic presenti all’interno del bosco che vi permetteranno di trascorrere intere giornate in spensieratezza.

Il bosco di Faeto, dunque, è il luogo ideale per immergersi nella natura e vive esperienze uniche ed indimenticabili, staccando totalmente la spina dalla routine di tutti i giorni e dalla frenetica vita delle nostre città.

Celle San Vito

A pochissimi km di distanza da Faeto (circa una decina) si trova il piccolo comune di Celle di San Vito. Il più piccolo della Puglia con i suoi 149 abitanti.

A Celle San Vito non è raro trovare chi parla ancora il francoprovenzale, una lingua ormai in disuso che, da queste parti, è ancora possibile sentire. Un paese fatato che sembra davvero fuori dal tempo, lontano dal caos delle grandi città.

Al centro di questo piccolo borgo troverete la Chiesa Madre che, anche in questo caso, svetta sul paese quasi a volerlo proteggere. Anche a Celle si respira aria pulita, la gente è ospitale e troverete un paesaggio unico, immerso nel verde dei Monti Dauni.

Sapori faetani: il prosciutto

Il nostro viaggio si conclude con le prelibatezze culinarie della zona. Faeto, infatti, per chi non lo sapesse, è rinomata per la lavorazione delle carni: in particolar modo il Prosciutto.

Ogni anno, ad Agosto, si svolge la sagra del prosciutto all’interno del bosco. Pensate che questa tradizione risale a ben 60 anni fa. Il territorio faetano, costituito da fitti boschi con aria fresca e pulita, rende possibile l’allevamento di suini allo stato brado.

La stagionatura del prosciutto si protrae per oltre 12 mesi, dando alla carne un sapore unico. Potrete trovare il prosciutto di Faeto non solo durante la sagra, ma tutto l’anno. Vi basta recarvi in una delle diverse botteghe e salumifici presenti in zona.

Questi sono i nostri consigli su cosa vedere a Faeto e nelle zone limitrofe, il magico borgo situato nella parte più estrema della Provincia di Foggia. Non vi resta che recarvi in questi luoghi e riscoprire il fascino di un mondo ben diverso da quello delle caotiche metropoli cittadine.

Se soggiornate per più giorni, potrete pensare di visitare il borgo Ducale di Bovino, Roseto Valfortore, Ascoli Satriano, Biccari con il suo lago Pescara o la città di Lucera ricca di storia e cultura. Insomma, i Monti Dauni hanno sicuramente molto da offrire, sta a voi pianificare al meglio il vostro viaggio tra queste terre.

Informazioni sull'autore

Jack Pastrano è nato a Napoli. Travel Blogger professionista, appassionato di viaggi, cultura e territorio. Da anni si impegna per valorizzare le bellezze del territorio italiano descrivendole con cura, passione e dedizione e mettendo il suo sapere al servizio degli utenti. Ama correre, fare trekking, ascoltare musica metal e - specie nei momenti di stress - sorseggiare del buon vino.

Ti potrebbe piacere: